INFO BLOG

PERCHÉ “RIVOLUZIONE ROMANTICA”
Rivoluzione Romantica è uno strumento di osservazione, analisi e approfondimento con una “linea editoriale” basata su tre punti fondamentali:

  • la difesa delle libertà individuali (contro ogni abuso di potere, autoritarismo e censura);
  • la realizzazione piena e funzionale della sovranità popolare;
  • la tutela dello Stato Sociale, baluardo di equità e giustizia sociale (contro la legge del più forte).

L’approccio anti-ideologico (o più probabilmente pre-ideologico) è un altro elemento essenziale di questa “linea”.
L’ideologizzazione della politica ha infatti cristallizzato la circolazione delle idee, trasformando i tre elementi cardine della nostra idea di Stato in concetti assoluti in conflitto tra loro.
Al tempo stesso, mentre il sogno post-ideologico dei tecnocrati punta alla sparizione della politica e delle idee, Rivoluzione Romantica ritiene invece necessario cancellare le “costruzioni ideologiche” date solo per ricominciare da capo, ridefinire i concetti di destra e sinistra, riassemblare meglio le idee, riorganizzarsi.

Ecco perché Rivoluzione Romantica, leale sempre e solo ai principi politici appena esposti, non si identifica con nessun partito politico o movimento e rivendica una visione indipendente tesa allo sforzo dell’obiettività.
Ricondurre le antitesi ad una unità radicale, in una “sintesi rivoluzionaria” animata da un idealismo sincero e dal principio irrinunciabile della libertà, è infatti indispensabile affinché si tratti di una Rivoluzione Romantica” e non “fanatica”.

Questo, in breve, il “cuore editoriale” del blog “Rivoluzione Romantica”, online dal 2013.


SITE MAP: COSA E DOVE CERCARE
Clicca qui per accedere alla “site map” di Rivoluzione Romantica e scoprire com’è strutturata questa pagina web.

SOCIAL NETWORK
Clicca qui per visitare e seguire Rivoluzione Romantica su Facebook.

CONTENT CREATOR
Rivoluzione Romantica è un blog creato e curato da Emmanuel Raffaele Maraziti, al quale vanno anche riferiti tutti i contenuti non esplicitamente attribuiti ad altri autori.

Clicca sull’immagine per saperne di più: