Covid: la gestione dittatoriale deve finire

Secondo le ricerche più prudenti dell’Oms, la letalità del Covid-19 si attesterebbe allo 0,6%, altre fonti autorevoli (lo statunitense “Centers for Disease Control and Prevention”) ritengono plausibile uno scenario in cui la letalità possa arrivare, nel migliore dei casi, allo 0,26% ma sembra comunque ormai comprovata una letalità pari allo 0% al di sotto dei 50 anni, sensibilmente più elevata al di sopra dei 70 anni.

Per passare dalle stime a dati più vicini alla realtà, del resto, sarà necessario attendere la fine dell’epidemia, ma gli scienziati sanno bene che la letalità apparente è sovrastimata ed inaffidabile.

Il covid-19 sembrerebbe dunque un virus più aggressivo nei confronti delle persone vulnerabili rispetto all’influenza: un eventuale 0,6%, infatti, rappresenterebbe in ogni caso un tasso pari a circa sei volte quello dell’influenza (dato che, però, potrebbe essere sottostimato e dipende comunque dal ceppo virale stagionale), capace di provocare un eccesso di mortalità sostanziale. Ma, senza dubbio, non si tratta certo di un virus che giustifica il panico, la sospensione della Costituzione e l’imposizione di uno stile di vita da psicopatici ipocondriaci chiamato “nuova normalità”.

Continua a leggere

La fake news dei covid party e del trentenne pentito

Partecipa a un Covid Party, 30enne muore in UsaLa notizia di un trentenne americano, morto dopo un covid party e pentitosi poco prima di morire, ha fatto letteralmente il giro del mondo, ripresa più e più volte letteralmente dalle principali testate occidentali.
Peccato che nessuno sappia chi sia questo trentenne, quando sia morto, quando sia stato questo party e chi ci fosse.
E sapete perché nessuno lo sa?
Perché la notizia non è una notizia, ma una voce di corridoio non verificata.
Continua a leggere

Ultras contro il governo: momenti caldi ma nessuna “guerriglia”

Le intenzioni erano delle migliori: una manifestazione pacifica e apartitica contro il governo e la sua gestione della crisi, con un lockdown a cui non hanno corrisposto – secondo gli organizzatori – adeguate tutele per la popolazione e, soprattutto, per le fasce più esposte.
*
Così, quasi un migliaio di persone – almeno il doppio secondo gli organizzatori – sono arrivate a Roma da tutta Italia, in risposta ad una iniziativa partita dagli ultras bresciani. Ma “Ragazzi d’Italia”, la firma della protesta, non era certo nata con l’idea di un raduno ultras – come molti giornali sembravano aver capito, chiedendo pareri addirittura alla nota sostenitrice laziale suor Paola – e, al contrario, l’intenzione era quella di coinvolgere anche la popolazione, da cui l’assenza di vessilli e bandiere.

Continua a leggere

Ecco il tributo di Trump per Floyd censurato da Twitter [VIDEO]

A local resident stands in front of a makeshift memorial honoring George Floyd, at the spot where he was taken into custody, in Minneapolis, Minnesota, U.S., June 1, 2020.  REUTERS/Carlos BarriaCapisco il dolore che le persone stanno provando: la morte di George Floyd a Minneapolis è stata una grave targedia, non sarebbe dovuto accadere e ha riempito tutti gli americani di orrore, rabbia e dolore. Noi supportiamo il diritto dei manifestanti pacifici e ascoltiamo il loro appello“.
“Noi stiamo con la famiglia di George Floyd e con i manifestanti pacifici e con i cittadini che vogliono decenza, civiltà e sicurezza”.
*
Quello che è successo non ha niente a che vedere con la giustizia o la pace, la memoria di George Floyd è stata disonorata da rivoltosi saccheggiatori e anarchici, dalla violenza portata avanti da ‘antifa’ e altri gruppi radicali che stanno terrorizzando innocenti e devastando il lavoro di una vita di tante brave persone”.

Continua a leggere

Pepe Reina contro il razzismo. La replica: “sei di destra, ci prendi in giro”

Pepe Reina
Pepe Reina, contestato per un post anti-razzista

“Anche il razzismo è una pandemia. Basta! Stop al razzismo!”: firmato Pepe Reina, calciatore spagnolo di proprietà del Milan, in presito all’Aston Villa.

*
Tutto molto bello, vero? A quanto pare no.
Almeno secondo Roberto Sotomayor, atleta spagnolo vicino alla formazione di sinistra Podemos che, al tweet di Reina, ha risposto furente: “Stai scherzando o ci prendi in giro?”.

Continua a leggere