La fake news dei covid party e del trentenne pentito

Partecipa a un Covid Party, 30enne muore in UsaLa notizia di un trentenne americano, morto dopo un covid party e pentitosi poco prima di morire, ha fatto letteralmente il giro del mondo, ripresa più e più volte letteralmente dalle principali testate occidentali.
Peccato che nessuno sappia chi sia questo trentenne, quando sia morto, quando sia stato questo party e chi ci fosse.
E sapete perché nessuno lo sa?
Perché la notizia non è una notizia, ma una voce di corridoio non verificata.

UNA FAKE NEWS CHE HA FATTO IL GIRO DEL MONDO

L'immagine può contenere: una o più persone e nuotare, il seguente testo "Partecipa a un Covid Party, 30enne muore in Usa L'idea della festa, ha spiegato la Cnn, è quella di invitare persone che hanno preso il virus e la prima persona che, dopo la festa, viene contagiata riceve un premio in denaro. 12 luglio 2020, 22:49 EM AGI Un 30enne americano è morto"

Tutto nasce da una video intervista, in cui questo medico parla del covid-19 e tira fuori, come esempio, la storia che le ha raccontato una infermiera.
Questa voce di corridoio diventa titolo, questo titolo diventa notizia, questa notizia fa il giro del mondo.
Tutto tramite gli affidabili professionisti dell’informazione, che non si sono fatti scrupoli a trasformare una generica voce di corridoio in una storia.

Probabilmente unico a verificarne la veridicità è stato invece il New York Times, che ha si riportato la storia ma anche fatto notare che alla notizia – diffusa dalla dottoressa Appleby senza circostanziare i fatti né dettagliarli, probabilmente senza neanche la pretesa di dare una notizia, riportando semplicemente una storia raccontata da una infermiera – non è seguita alcuna conferma da parte dell’ospedale.
D’altra parte, sempre il quotidiano statunitense sottolineava che anche dei famosi covid party non c’è finora traccia, a parte gli articoli sui giornali privi di fonte.

Insomma, se la notizia ci dice poco sul coronavirus, è certo che ci dice molto sulla scarsa affidabilità dei grandi media.

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.