“Per colpa di Salvini ho perso il lavoro”. Ma si era inventato tutto

Vi ricordate il ragazzo dichiaratosi dislessico la cui “grinta” era finita nel mirino di Matteo Salvini?
Ieri, in un video postato dal leader delle “sardine” Mattia Santori, dichiarava che, per colpa dell’ex ministro, rischia ora di perdere il lavoro. “Probabilmente lo ha già perso”, specificava lo stesso Santori, mentre proprio lui, Sergio Echamanov, al suo fianco annuiva e aggiungeva: “mi è stato consigliato anche dal mio avvocato Cathy La Torre“.
Ebbene, oggi, in un post su Facebook che ha ovviamente scatenato una marea di commenti contrariati, ritratta: “La mia avvocata La Torre non mi ha mai consigliato di dimettermi o di allontanarmi dal mondo del lavoro, mai e mai. Ho avuto un refuso, dovuto al grande stress, i tempi stretti“.

Per farla breve, si era inventato tutto, per drammatizzare un po’ e buttarla ancora sul vittimismo.
Sulla questione lavorativa, del resto, la montatura si era rivelata da sé: “L’azienda”, aveva già dichiarato a Repubblica, “non mi vuole licenziare per quello che è successo, questo non è in discussione. Il problema per me sarà suonare al campanello nelle case con il timore di essere attaccato per le mie idee politiche”. Insomma, nessuno voleva togliergli il lavoro.

CHI E’ SERGIO ECHAMANOV

Riassumendo, Sergio Echamanov ha 21 anni, dichiara di esser segretario dell’Unione degli universitari ed dotato di un proprio canale su youtube in cui pubblica interviste ed interventi, uno dei quali dedicato proprio a Matteo Salvini e alla mafia, in occasione del 25 aprile del 2019, in cui si rivolge all’allora ministro dell’Interno dandogli del tu in maniera sprezzante e dicendo: “incomincia a pensare alle tue dimissioni e comprendere come si lavora veramente in un governo perché anche Conte si è rotto le palle”.

E’ sempre lui che, a San Pietro in Casale, liberamente, si improvvisa oratore e accusa la Lega addirittura di “odio” e “antisemitismo”.

Poi Matteo Salvini, su Facebook, pubblica un video-collage in cui appaiono le sardine lanciare cori contro la Lega e il giovane Sergio durante il suo intervento, un po’ esitante. Il commento del leader della Lega è ironicamente rivolto alla scarsa grinta delle sardine.

A questo punto le sardine, indignatissime, denunciano addirittura il “cyberbullismo” di Salvini e il ragazzo, a cui evidentemente non piace stare al gioco della politica in cui la gente non sempre ti applaude, tira addirittura in mezzo la sua dislessia si dice pronto a sporgere querela. Sui giornali la notizia si trasforma e diventa: “Salvini ridicolizza un ragazzo per la sua dislessia”.

L’ultima impresa è, appunto, questa giravolta compiuta in poche ore, in cui attribuisce la colpa di una bugia usata a scopo politico ad un “refuso” (a proposito, spiegategli che vuol dire refuso), allo stress e ai tempi stretti (questo si crede già una star).
Miserie umane.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.