Germania, 78 miliardi per i richiedenti asilo: insegnargli il tedesco e trovargli un lavoro

In Germania, in un anno, i richiedenti asilo che hanno ottenuto benefit sono stati ben 975mila, in aumento del 169%, per una spesa totale di 5,3 miliardi di euro nel 2015, praticamente raddoppiata rispetto all’anno precedente quando la cifra si era fermata ai 2,4 miliardi. Una cifra enorme e che esclude, peraltro, tutti coloro che hanno ricevuto già lo status di rifugiato, anche dovuta al fatto che “solo un’esigua minoranza del milione di persone entrate nel paese l’anno scorso ha trovato un lavoro”, secondo il “Sole 24 ore”, che ha pubblicato l’indagine con i dati in questione. A ricevere i benefici sono soprattutto uomini (67%) giovanissimi (25 anni l’età media), mentre appena il 30% della cifra complessiva è stata utilizzata per assistenza ai minori. Trova conferma, dunque, l’impressione che le famiglia in fuga dalla guerra non compongano la fetta più consistente di questa ondata migratoria ininterrotta.

Nel frattempo, grandi aziende del settore automobilistico hanno reso noto che i programmi di formazione dedicati agli immigrati, promossi dalla Merkel, sono andati bene. Così la Daimler, che aveva dato vita a tirocini (finanziati per metà con soldi pubblici tedeschi) di 14 settimane per quaranta richiedenti asilo, tra i 20 ed i 51 anni, provenienti da Afghanistan, Eritrea, Gambia, Nigeria, Pakistan e Siria. Il fine era quello di insegnare loro il tedesco ed il lavoro nelle fabbriche. Missione compiuta a quanto pare. Mentre la Porsche prepara l’ingresso nella sua squadra di undici dei tredici richiedenti asilo (dai 16 ai 38 anni) che avevano partecipato ad un programma di inserimento simile. “Eravamo fermamente intenzionati ad assistere i rifugiati nel loro processo di integrazione”, ha dichiarato Andreas Haffner del settore Risorse umane dell’azienda automobilistica, che a novembre avvierà un percorso identico per altri quindici persone e che ha intenzione di reinserire nel programma d’insegnamento anche i due non ancora pronti all’inserimento lavorativo che avevano partecipato ai corsi appena conclusi.

Il Ministero delle Finanze tedesche, nel frattempo, prevede che ben 77,6 miliardi saranno ancora spesi tra il 2017 ed il 2020 per gli immigrati, “per nutrirli, addestrarli al lavoro, dare loro una casa” volendo usare le parole del “Sole 24 ore”. Infatti, nonostante la responsabilità degli aiuti ricada sugli enti “regionali”, il governo centrale ha contribuito molto alla spesa in questo campo, assegnando ai länder 670 euro extra per ogni richiedente asilo ricevuto.

Poi, se “Alternativa per la Germania” supera la Cdu nella pur piccola regione del Meclemburgo-Pomerania, non state a farvi troppe domande, il perché è chiaro: è solo un modo per gridare “prima di tedeschi” e dire basta a queste politiche a tutti gli effetti razziste contro i cittadini.

Emmanuel Raffaele, 8 set 2016

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.